Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Burattini a Strasburgo

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, mi pare che tutta la politica italiana sia un grande teatrino!!!
Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

Cecco Dotti ha detto...

Cao Tomaso, ti ringrazio per la visita!
A parte l'Italia, mi pare che anche in Europa in fatto di "teatrini" non abbiano niente da invidiarci...
Un abbraccio forte anche a te, buon fine settimana e a presto!
Francesco

Flo ha detto...

Non so tu, ma a me non pare che Conte goda di tutta questa autonomia e, francamente, sarebbe ora che si facesse sentire.
L'attacco di Guy Verhofstadt, duro e forse ingiusto nei confronti di Conte, non lo era nei confronti dell'Italia che, come nel suo stile, sembra ondeggiare qual piuma al vento. Quale affidabilità offre un Paese che oggi dice di sì però poi magari dice di no (TAV), che solidarizza con bande di scalmanati teppisti che inneggiano al colpo di Stato mentre chiede l'estradizione dei nostri terroristi (gilet jaune), che in materia di politica estera dicono tutto ma anche il contrario di tutto e magari l'uno all'insaputa dell'altro (Venezuela e Afghanistan)?
Mi spiace, ma stavolta l'Europa ha il diritto di chiedersi da che parte stiamo.

Cecco Dotti ha detto...

Ho letto, e in parte ti do ragione. Soprattutto per quanto riguarda l'ondivaga politica nostrana...
Conte, almeno per come posso giudicarlo io a prima vista, mi sembra una persona molto educata e moderata. Forse per questo può apparire "alle dipendenze" di alcuni suoi ministri. Fermo restando che un'Europa così non mi è mai piaciuta. Anzi, io ero contrario fin dall'inizio a questa "comunione", escludendo il traffico delle merci ma lasciando i confini ben delimitati e controllati per quanto riguarda il "traffico umano". Storicamente siamo Popoli troppo diversi tra loro, che fino a una settantina d'anni fa si sono fatti la guerra e i cui sentimenti di rivalsa probabilmente non si sono ancora sopiti... Infine, sulla moneta unica il cui cambio sciagurato - unito alla storica furbizia italica che ha fatto di 1 euro = mille lire - ha contribuito a rovinarci del tutto.
I Cinque Stelle, poi, se all'inizio mi sembravano la novità che tutti stavamo aspettando, oggi non mi piacciono più. Proprio per alcune loro prese di posizione (leggi TAV, "scalmanati" dai gilet gialli e Reddito di cittadinaza, per finire con la politica estera e qualcos'altro) e per il fatto che al loro interno alberghino sentimenti e mentalità troppo contrastanti. Credo che finiranno come il PD all'epoca delle "correnti" interne, proseguendo con Renzi & Co., coi risultati che vediamo... Per questo credo che torneremo a votare abbastanza presto...
E se l'Europa ha il diritto di chiederci da che parte stiamo, secondo me dovrebbe anche chiedersi cosa ha fatto perché lo fossimo.